Clima, è green 1 auto su 3 venduta nel 2021

Svolta verde con ibride/elettriche, appello a Commissione e Parlamento Ue

Nell’anno dell’emergenza Covid scatta la svolta ambientalista nei trasporti di imprese e famiglie italiane con più di 1 auto su 3 (33,4%) venduta nel 2021 che funziona con un motore ibrido o totalmente elettrico sorpassando tutti gli altri tipi di carburanti, dalla benzina al diesel, dal gpl al metano. È quanto emerge dall’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Unrae sul primo trimestre 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente in occasione dell’appello alla Commissione Europea, al Parlamento europeo e ai governi dei Paesi membri Ue, sottoscritto da 27 grandi aziende - tra cui Coca-Cola, Ikea, Sky, Uber, Volvo, e le italiane Enel X e Novamont - insieme con 6 associazioni di automotive, energia, sanità, finanza di vietare la vendita di auto diesel, benzina, e anche ibride, entro il 2035 lasciando spazio soltanto ai mezzi elettrici.

Le immatricolazioni di auto elettriche o ibride nel primo trimestre 2021 sono balzate per la prima volta in testa davanti a tutti gli altri tipi di motori sfondando il tetto delle 150mila immatricolazioni, superando di slancio sia la benzina ferma a poco meno di 149mila, con un calo del 4,8%, sia le diesel che superano di poco le 114mila unità (-5,1%) mentre staccatissime, seppur in crescita, sono quelle a Gpl (26.177 mezzi) e quelle a metano (10.510). E’ il risultato degli incentivi messi in campo dal Governo ma è anche il segnale di un cambiamento progressivo e sempre più profondo delle sensibilità di acquisto di famiglie e imprese che sulla scia della prossima rivoluzione green con il Recovery Plan puntano sempre di più alla sostenibilità ambientale e climatica.

Il balzo delle auto green è avvenuto nonostante il maggior costo rispetto ad altri tipi di motorizzazioni e nonostante la mancanza di un’estesa e capillare rete di colonnine di ricarica. La scelta delle imprese di utilizzare veicoli meno inquinanti è incentivata anche dal fatto che sempre più spesso nei capitolati di appalto pubblici e privati vengono previsti punteggi aggiuntivi per chi utilizza nell’attività professionale mezzi a basso impatto di smog mentre le limitazioni al traffico per le misure anti smog delle città rendono sempre più difficile muoversi con mezzi a motorizzazione tradizionale.

 

0


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi