chi siamo

UE.COOP – Unione Europea delle Cooperative, è stata riconosciuta quale associazione nazionale di promozione, assistenza e tutela del movimento cooperativo con decreto del Ministro dello sviluppo economico del 24 aprile 2013 (G.U. n. 102 del 03.05.2013) ai sensi dell’art. 3 del decreto legislativo 2 agosto 2002, n. 220 ed iscritta al Registro Persone Giuridiche n.920/2013 del 15/03/2013.

 

Le cooperative ad oggi aderenti a UE.COOP sono oltre 4.000 distribuite su tutto il territorio nazionale ed operano in tutti 14 i settori dell’albo competente, con particolare rilevanza per quanto riguarda i settori della cooperazione sociale, dei servizi, della produzione lavoro, dell’agroalimentare e della pesca e alla quale fanno capo oltre mezzo milione di soci.

 

Su volontà del Consiglio Nazionale di UE.COOP e secondo quanto previsto dallo Statuto nel corso del 2015, si sono costituite le associazioni e le sezioni regionali in modo da strutturare su tutti i livelli regionali la propria rappresentanza politica.

IL PRESIDENTE E LA GIUNTA ESECUTIVA

IL PRESIDENTE

Luigi Giampaolino

Presidente Emerito della Corte dei Conti

 

Il Presidente Luigi Giampaolino è Presidente Emerito della Corte dei Conti, avendo ricoperto la carica di Presidente della Corte dei Conti della Repubblica italiana dal 21 luglio 2010 al 18 agosto 2013.

Ha ricoperto inoltre l’incarico di Presidente dell’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. E’ stato Presidente di Sezione della Corte dei Conti dal 1999 svolgendo le funzioni di Presidente della Sezione Giurisdizionale della Lombardia e di Presidente della Sezione Giurisdizionale della Puglia.

È stato, inoltre, Consigliere delegato al controllo del Ministero del Tesoro nonché magistrato addetto al controllo dell’IRI, dell’ENAV, dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e della CONSIP. Ha ricoperto varie volte gli incarichi di Capo dell’ufficio legislativo e di Capo di gabinetto di alcuni ministeri (in particolare, del Ministero della attività produttive, ora Sviluppo economico e del Ministero dei Lavori Pubblici, ora Infrastrutture). È autore di numerose pubblicazioni in materie giuridiche.

È stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Dal 5 novembre 2015 è Presidente di UE.COOP – Unione Europea delle Cooperative.

IL DISCORSO DI INSEDIAMENTO

 

LA GIUNTA ESECUTIVA

ALDO MATTIA

Vice Presidente vicario

DANIELA PALLISCO

Vice Presidente

ROBERTO MONCALVO

PIER GIORGIO QUARTO

FABIO LACCHINI

GIACOMO BERTOLINI

PIETRO SANTO MOLINARO

PERCHE’ UE.COOP

L’Unione Europea delle Cooperative nasce con il principale intento di supportare e tutelare le cooperative associate, adeguando la propria attività ai principi di solidarietà, sussidiarietà e sostenibilità, promuovendo un modello di sviluppo della rappresentanza improntato a sostituire la verticalità dei settori all’orizzontalità dei territori.

 

Essi sono il capitale sociale e umano, sono le persone, la gente di buona volontà, il territorio e le sue ricchezze, siano esse storiche, ambientali, culturali oltre a quelle della biodiversità. Tutto ciò, messo insieme ai valori forti della cooperazione “vera”, può creare un nuovo modello di sviluppo, dove è possibile mettere insieme la crescita con la qualità della vita.

 

UE.COOP intende pertanto essere un modello etico da trasferire al Paese, un patrimonio da consegnare alla nuova cooperazione, puntando alla valorizzazione dei soci e alla distintività dei territori, tramite la rappresentanza della cooperazione autentica, volta a riconquistare i dimenticati ma non perduti valori della mutualità, per dare vita a un processo di restituzione e donazione più ampio che investa il socio, il territorio e la comunità tutta.

La cooperazione autentica, quella che intende rappresentare UE.COOP, è quella fatta dai soci per i soci e si prefigge di dare una risposta a necessità di natura collettiva che non si esauriscono nel mero perseguimento di benefici economici bensì nella promozione e gestione collettiva di risorse in un’ottica di promozione del benessere sociale.

IL FONDO NECST

Costituito ad aprile 2014, NECST S.p.A. – Nuova Economia Cooperativa per lo Sviluppo dei Territori, è il Fondo mutualistico per la promozione cooperativa, ai sensi della legge n.59 del 31 gennaio 1992 artt. 11 e 12.
È alimentato dal 3% degli utili annuali di tutte le cooperative aderenti e dal patrimonio residuo delle cooperative in liquidazione.
In tal modo, UE.COOP vuole contribuire alla creazione di nuove opportunità di lavoro e incentivi allo sviluppo delle imprese del movimento cooperativo; promuovere e consolidare la presenza del modello cooperativo nel sistema economico nazionale, concorrendo alla diffusione della cultura cooperativa, alla nascita di nuove esperienze cooperative ed al rafforzamento di quelle esistenti.

necst

La società ha un capitale sociale pari a 120.000 euro, interamente sottoscritto da UE.COOP che ne detiene la totalità delle azioni.

Il versamento al Fondo NECST S.p.A. sul 3% degli utili annuali di bilancio va effettuato entro 60 giorni dall’approvazione dello stesso seguendo le indicazioni contenute nella lettera inviata alle cooperative associate ed esclusivamente tramite bonifico bancario sul C/C intestato a:


FONDO NECST S.p.A. c/o UniCredit S.p.A.
IT 43 A 02008 05365 000103174760


Ricordiamo inoltre che:
a) l’importo minimo da versare deve essere superiore a € 10,33;
b) il versamento NON va effettuato con Mod. F24 ma solo tramite bonifico bancario sul c/c indicato all’interno della lettera;
c) il contributo ai fondi mutualistici, deve essere versato in rapporto ai giorni di effettiva adesione alla UE.COOP;
d) nel caso di adesione plurima, il versamento del contributo del 3% deve essere effettuato in parti uguali alle Centrali cooperative cui la cooperativa aderisce;
e) nel caso di passaggio da un’associazione ad un’altra, l’attribuzione del contributo ai fondi mutualistici, o al Ministero dello Sviluppo economico, deve essere effettuato in misura proporzionale al periodo di iscrizione alle associazioni o al periodo di insussistenza di adesione.

L’ATTIVITA’ DI VIGILANZA

La revisione cooperativa ha come scopo fondamentale quello di fornire agli organi sociali degli enti suggerimenti e consigli per migliorare la gestione ed il livello di democrazia interna e di accertare, anche attraverso una verifica della gestione amministrativo-contabile, la natura mutualistica dell'ente e la legittimazione dell'ente a beneficiare delle agevolazioni fiscali, previdenziali e di altra natura.

Le revisioni cooperative hanno, di norma, cadenza biennale, fatte salve le previsioni di legge (come nel caso delle cooperative sociali) che prescrivono una revisione annuale.

Nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs n. 220/2002, UE.COOP effettua una attenta attività di Revisione a favore di tutte le cooperative associate per il tramite di un numeroso gruppo di Revisori abilitati che operano sull’intero territorio nazionale, andando ben oltre il mero adempimento obbligatorio, volto a favorire il consolidamento delle cooperative che esercitano appieno il ruolo mutualistico.

Le cooperative associate a UE.COOP entro il 11 luglio 2017 devono versare il contributo alla stessa UE.COOP, secondo le indicazioni contenute nella lettera inviata alle cooperative associate, esclusivamente con bonifico bancario secondo le seguenti modalità:


Bonifico su c/c intestato a: Unione Europea delle Cooperative c/o Unicredit
IBAN IT48F 02008 05365 000102500201